Con gli occhi accesi su di te

Tu sei pericolo dei miei occhi, stupore e meraviglia dei miei sensi. Tu sei la corteccia dell’albero, protezione e corazza nei giorni più freddi. Tu sei il muschio, che cresce spontaneamente nelle zone più remote, distanti dall’entroterra urbano e dalle zone costiere; il verde s’accende quando c’è più freschezza, un corso d’acqua dolce nei paraggi,Continua a leggere “Con gli occhi accesi su di te”

Quante volte…

Quante volte mi capita di immaginarti con talmente tanta intensità, da sentirti vicina, presente, viva, ancora vicino a me! Quante volte, anche durante il giorno, mi capita di chiudere gli occhi e con la mente parlare con te, confidandoti i miei pensieri, le mie emozioni, i dubbi, le paure, o semplicemente rimango a guardarti inContinua a leggere “Quante volte…”

Torna a casa (*)

A 45 anni suonati, ho finalmente deciso di lasciarmi ammaliare dalla musica e ho deciso di iniziare, come fossi una quindicenne, da quel vortice di impetuosità dei Måneskìn…. Cammino per la mia città ed il vento soffia forteMi son lasciato tutto indietro e il sole all’orizzonteVedo le case, da lontano, hanno chiuso le porteMa perContinua a leggere “Torna a casa (*)”

<<Transito di velature>>, <<Nottetempo>>, <<Banchi di nebbia>>, << Mare calmo>>, << Venti deboli>> …

❤❤❤ … amo le parole, il linguaggio verbale, la voce, tutte le espressioni linguistiche e l’uso più creativo ed artistico che se ne può fare….

Aveva ragione quella bambina paffutella di nome Heidi

Tutto questo tempo mi è servito:Per curarmiPer distrarmiPer vedere cose di cui non mi ero mai curata abbastanza: il cielo, le nuvole, gli alberi, il mare, la terra… e molto meno quello che prima mi riempiva gli occhi, le orecchie, la testa: la tv, film e libri.Ho ascoltato gli uccelli. Sono bellissimi, simpatici e meravigliosoContinua a leggere “Aveva ragione quella bambina paffutella di nome Heidi”

Alla ricerca del tempo ….

(Perduto) Io, che alle otto di sta mattina ho iniziato la ricerca degli orecchini di ametista, quelli che, mi ha ricordato mia zia, lei mi regalò e che mai me li ha visti indossare; quelli che, le ho risposto io, “si si certo che li ho”, “no non sono finiti tra i gioielli che miContinua a leggere “Alla ricerca del tempo ….”

Non sempre è saggio essere prudenti.

“Ma essere saggi, questo voleva dire stare al di sopra della gioia e del dolore, della paura e della compassione, dell’ambizione e dell’orgoglio ferito. Essere saggi significava portarsi al di sopra di tutte le cose, non odiare e anche non amare più nessuno, accettare imperturbabili sia il rifiuto sia la simpatia degli altri. Colui cheContinua a leggere “Non sempre è saggio essere prudenti.”

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito