Ripenso ancora a quel tuo ultimo saluto. Doveva essere un abbraccio festoso, un “rieccoci!”; invece mi hai tenuta a lungo stretta in silenzio, in un abbraccio triste e immobile. Ne percepivo il vuoto, l’assenza che provavi, quasi una sofferenza a stento trattenuta

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito