Da viola a Violetta

Quanta forza hanno le parole! Adoro le parole, scritte e lette; adoro il suono che fanno in bocca, adoro quando le si sussurrano, le si urlano, le si pronunciano, a prescindere dal tono della voce dell’oratore; adoro anche il suono che le parole fanno in testa, quando non si ha il coraggio di emetterle, diContinua a leggere “Da viola a Violetta”

Piccoli inconvenienti

“Puzzo?” Chiese “No, rispose Natasha e si sporse ad annusarlo. “Forse un pò, ma in fondo non è un brutto odore. È che …sei tutto rosso”. Gli posò una mano fresca sulla guancia. “E tutto appiccicoso. Stai bene?” “Ho avuto una specie di crollo. Ho perso. Cioè no, ho pianto. Ho perso lacrime. Le paroleContinua a leggere “Piccoli inconvenienti”

Musica nell’aria

“Era lì ma non gliene fregava niente.Non gliene importava niente di niente, l’unica cosa era la musica che stava suonando, le note che s’innalzano languide e laceranti e ipnotiche mentre lui chiudeva gli occhi e le vene nel collo gli si gonfiavano e e sembrava che con la sua tromba andasse alla ricerca di un’ideaContinua a leggere “Musica nell’aria”

Il Viaggio

“Mi ricordo ancora quell’orizzonte ampio e senza punti di riferimento, in cui solo il sole faceva da limite all’infinito. In quel momento capii che ciò che conta di fronte alla libertà del mare non è avere una nave, ma un posto dove andare, un porto, un sogno, che valga tutta quell’acqua da attraversare.” (Alessandro D’Avenia)

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito